ASIA Napoli S.p.a.
Pubblica amministrazione

GARA 411/ACU/2019 - PROCEDURA APERTA PER L’AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI CESTINI PORTARIFIUTI IN METALLO

Oggetto: GARA 411/ACU/2019 - PROCEDURA APERTA PER L’AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI CESTINI PORTARIFIUTI IN METALLO
Tipo di fornitura:
  • Beni
Tipologia di gara: Procedura Aperta
Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Modalità di espletamento della gara: Telematica
Importo complessivo a base d'asta: € 974.500,00
Importo, al netto di oneri di sicurezza da interferenze e iva, soggetto a ribasso: € 974.500,00
CIG: 7768585724
Stato: In svolgimento
Centro di costo: Direzione Ricerca Innovazione e Sviluppo
Data pubblicazione: 22 gennaio 2019 23:00:00
Termine ultimo per la presentazione di quesiti: 04 marzo 2019 16:00:00
Data scadenza: 15 marzo 2019 12:00:00
Comunicazione:


 

Documentazione gara:
Documentazione amministrativa richiesta:
  • DGUE
  • MODELLO 1 - DOMANDA DI PARTECIPAZIONE
  • MODELLO 2 - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE
  • MODELLO 3 - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI IMPEGNO
  • Contributo ANAC
  • Cauzione - Fidejussione
  • Passoe
  • COPIA CARTA DI IDENTITA'
  • Quadro dei Pericoli e dei Rischi
Per richiedere informazioni: La presente procedura sarà gestita in modalità interamente telematica. Pertanto, il concorrente dovrà accedere alla presente procedura tramite la sezione “AREA FORNITORI” disponibile sul sito www.asianapoli.it o accedendo direttamente al sito http://asianapoli.albofornitori.net. Una volta eseguito l’accesso, il concorrente sarà guidato dal sistema alla registrazione ed all’accesso agli atti di gara. Il concorrente potrà consultare, per la partecipazione alla presente procedura la guida alla PARTECIPAZIONE AD UNA GARA D’APPALTO TELEMATICA (Procedura aperta) visibile dopo l’accesso al link “Manuali – Guide”. Per problematiche tecniche è possibile contattare tramite l’assistenza la DIGITALPA primariamente attraverso il sistema di ticket presente nel sistema telematico o al numero telefono 07041979.
Per informazioni inerenti gli atti di gara è possibile porre quesiti tramite la piattaforma ovvero inviare mail all'indirizzo garepubbliche.asianapoli@pec.it


 

Pubblicazioni ai sensi dell'art. 29 D.lgs. 50/2016

Nome Data pubblicazione
Curriculum vitae Presidente commissione 02/04/2019 14:29:19
Curriculum vitae commissario 02/04/2019 14:30:00
Curriculum vitae commissario 02/04/2019 14:32:49
Determina Nomina Commissione 28/03/2019 09:04:45
VERBALE N.1 DEL 18 MARZO 2019 19/03/2019 17:26:23
PROVVEDIMENTO ART. 29 D.Lgs. 50/2016 28/03/2019 09:02:54
VERBALE N.2 DEL 22.03.19 28/03/2019 09:08:58
VERBALE N. 3 del 28.03.19 13/05/2019 10:18:56
VERBALE N. 4 del 09.04.19 13/05/2019 10:29:35
VERBALE N. 5 DEL 10.05.19 13/05/2019 10:51:49

Risposte alle domande più frequenti (FAQs)

FAQ n. 1

Domanda:

Al punto 2 pag.4 del Disciplinare tecnico è riportato “Al fine di consentire il fissaggio su strada in pendenza deve essere garantita la fornitura di adeguati distanziatori che consentano la posa in piano”

Al punto 4.1 pag.6 “Per i cestini che prevedono la modalità di fissaggio al suolo la fornitura si intende corredata di un assortimento di spessori per il montaggio in strade in pendenza”.

In riferimento ai suddetti requisiti Vi chiediamo un approfondimento su cosa viene inteso per adeguati distanziatori e assortimento di spessori?  Eventuali caratteristiche morfologiche funzionali da individuare e materiali da utilizzare?

In riferimento ai suddetti requisiti può ritenersi conforme alle esigenze individuate un sistema di fissaggio al suolo del contenitore in un unico punto centrale? Mediante un kit comprensivo di tassello da inserire a pavimento e vite passante che vincola la base del contenitore al tassello stesso, regolandone l’inserimento in relazione al serraggio della vite?

 

 

Risposta:

Il termine distanziatori è errato, si deve intendere spessore. Il fornitore deve offrire soluzioni tecniche che consentano l’installazione del cestino in maniera adeguata anche in strade con pendenza elevata (trattasi comunque del 1 – 2 % dei casi.)

La soluzione indicata deve tuttavia garantire la stabilità e l’estetica del cestino.

 

FAQ n. 2

Domanda:

Nell’allegato A2 pag.2 requisito 1.1 Forma della base ¹ è riportato: “La base deve avere una forma “schiacciata” per garantire il minimo ingombro come sporgenza rispetto al muro cui il cestino è addossato.”.

In riferimento al suddetto requisito Vi chiediamo se è ammissibile, rispetto ai vincoli d’installazione, un ingombro con pianta a forma di rombo, di profondità dal muro di circa 35 cm.?

 

 

 

Risposta:

La forma proposta può essere ammissibile a condizione che la sua profondità sia contenuta nell’ordine dei 30 cm, per motivi di ingombro.

FAQ n. 3

Domanda:

Nell’allegato A2 pag. 2 requisito 1.11 viene richiesto di indicare “altezza (cm) ≤30 cm”.                                   

In riferimento al suddetto punto Vi chiediamo cosa s’intende per dimensione dell’altezza in pianta del cestino? Si tratta di una dimensione orizzontale o verticale, quale l’altezza del basamento del cestino stesso?

 

 

 

Risposta:

Trattasi della profondità del cestino, quindi la dimensione massima che lo distanzia dal muro.

FAQ n. 4

Domanda:

1) in merito al punto 6.2 lett. c) “Requisiti di capacità economico-finanziaria e tecnico-professionale” chiediamo conferma che la comprova del relativo requisito (realizzazione, nel triennio antecedente la data di pubblicazione del bando, della fornitura di cestini analoghi a quelli della presente procedura in numero non inferiore a 1.500 cestini) sia da effettuarsi, secondo le modalità di cui all’art. 7, da parte dell’aggiudicatario successivamente all’eventuale aggiudicazione provvisoria;

2) in riferimento al punto 3.1.4 del Disciplinare Tecnico chiediamo di meglio specificare che cosa si intenda per “Relazione di impatto ambientale e del ciclo di vita dell’attrezzatura”.

Risposta:

1) Si conferma .

2) La relazione deve fare riferimento ai cicli di produzione del bene, con richiamo delle tecnologie e dei materiali utilizzati, e del loro impatto sull’ambiente; inoltre deve indicare le corrette modalità di uso e manutenzione e quelle del corretto smaltimento, con valutazione dell’impatto sull’ambiente.

FAQ n. 5

Domanda:

Documentazione tecnica e campioni: chiediamo conferma che quanto fa testo e valutazione è la documentazione scritta, che viene fornita in fase di offerta, in quanto è su quella che si dichiara come verrà fornito il materiale. Questo perché per realizzare un campione che rispetti tutte le caratteristiche che intendiamo proporre servono tempi lunghi tra approvvigionamento di materie prime, trattamenti e rifiniture. Naturalmente esteticamente il campione dovrà corrispondere totalmente a quanto documentato.

Risposta:

Nel Disciplinare tecnico al paragrafo 5. è previsto che le attività relative all'attribuzione del punteggio saranno svolte "sia su base documentale, sia esaminando il campione messo a disposizione da ciascun concorrente". Ciò premesso per la valutazione in fase di gara, oltre alla documentazione, sarà necessario che i prototipi presentati consentano almeno la verifica delle seguenti caratteristiche a punteggio: 5.1.1 Disegno e struttura 5.1.3 Efficacia ed ergonomia nell’attività di sostituzione del sacco, della rimozione di rifiuti sfusi e del sistema di mantenimento del sacco (reggisacco) 5.1.4 Semplicità e tenuta del sistema di fissaggio al suolo (per tipologie A1b, A2).